martedì 20 settembre 2016

Diesel e benzina? Veleni legali. La denuncia: “Compagnie svizzere inondano l’Africa di carburanti tossici”

L’accusa arriva dalla ong elvetica Public Eye, che ha pubblicato il report “Dirty Diesel” in cui rende noti i risultati delle analisi condotte su carburanti prelevati in otto Paesi dell’Africa occidentale: i campioni analizzati “presentano una quantità di zolfo fino a 378 volte quella consentita in Europa”
Alcune grandi compagnie svizzere specializzate nel trading di materie prime “stanno inondando l’Africa di carburanti tossici”. Vendendo a Paesi come Angola, Senegal, Ghana, Costa d’Avorio, Congo e altri diesel e benzina che in Europa sarebbero illegali per via dell’alta concentrazione di sostanze nocive. L’accusa arriva dalla ong elvetica Public Eye, che lo scorso 14 settembre ha pubblicato il report “Dirty Diesel”, in cui tra le altre cose rende noti i risultati delle analisi condotte su carburanti prelevati in otto Paesi dell’Africa occidentale: i campioni analizzati “presentano una quantità di zolfo fino a 378 volte quella consentita in Europa”, a cui si aggiungono altri potenti inquinanti come il benzene e i policiclici aromatici “in concentrazioni che non sarebbero mai consentite in carburanti europei o statunitensi”. Continua a leggere…