venerdì 23 settembre 2016

“Pedalando sulle colline astigiane mi è venuta l’idea del laser per Internet”

Dopo il premio a Bruxelles, Valerio Pagliarino, 16 anni, è una star della scienza
Valerio è appena rientrato da Bruxelles e nella sua Castelnuovo Calcea, in provincia di Asti, è a caccia di un po’ di normalità. Il titolo di giovane scienziato dell’anno lo lusinga, ma è la «full immersion» di tre giorni tra i colleghi scienziati di tutto il mondo ad entusiasmarlo.
 Le interviste 
«Eravamo in tanti, tutti giovani e tutti appassionatissimi – racconta stanco, ma felice –. Sono state tre giornate piene: sei ore nella stand a presentare il progetto e poi le interviste della giuria. Non dimenticherò mai queste emozioni». Oggi è tornato nel suo banco di liceo scientifico a Nizza Monferrato. «Si torna a scuola, alla quotidianità». A quella vita da sedicenne di provincia. Da ottimo studente appassionato di ciclismo e batteria. «Non seguo molto lo sport in generale, amo il ciclismo su strada – aggiunge -. Mi piace seguire i grandi giri e farmi un pedalata per le colline con la mia Bianchi». Proprio su queste colline astigiane, patrimonio dell’Unesco, guardando i tralicci dell’alta tensione, è nata l’idea del «Laserwlan»: una fibra ottica virtuale, che sfrutta la tecnologia laser, per portare Internet veloce in ogni angolo d’Italia. Abbattendo i costi anche di 100 volte, visto che non serve più posare la fibra.  L’altra grande passione di Valerio Pagliarino è la batteria. «La suono dalla quarta elementare – racconta –. Amo il rock inglese degli Anni 80. Ascolto band come i Queen e i Led Zeppelin».  Continua a leggere…..