sabato 29 ottobre 2016

La polemica Orban, scontro con Renzi sui migranti: "Pronti a veto su quote e a fare causa all'Unione Europea"

 "L'Italia ha difficoltà di bilancio con un deficit che aumenta, mentre arrivano in massa i migranti, con spese ingenti. Renzi ha tutte le ragioni di essere nervoso", ha detto il premier di Budapest
28 ottobre 2016
 Il premier ungherese Viktor Orban ha detto alla radio di voler porre il veto contro il "rospo" delle quote obbligatorie di ripartizione dei migranti nell'Ue e, se necessario, adire la Corte di giustizia dell'Unione europea per "far causa" alla Commissione di Bruxelles. Lo riporta l'agenzia ungherese Mti. "La proposta sulle quote è sempre nell'agenda in Consiglio e la presidenza" di turno "slovacca dovrebbe agire in modo da toglierla dall'agenda a dicembre", ha detto Orban nell'intervista settimanale alla radio pubblica MR. "Se ci riuscirà, e non si parlerà più di quote obbligatorie, sarà uno scenario favorevole - ha aggiunto il premier - Ma si può supporre che la situazione attuale rimarrà, cioè che in Consiglio altri vogliano far approvare le quote obbligatorie": allora "noi mettiamo il veto. Può darsi che i Paesi più grandi continuino a voler farci ingoiare il rospo", ossia "le quote di insediamento obbligatorio. Se sarà cosi, l'Ungheria resisterà, non adempierà questa decisione, e farà causa alla Commissione europea. Ci sarà una grande battaglia. Per questo abbiamo bisogno di modificare la nostra Costituzione in seguito al referendum di 2 ottobre", ha detto ancora Orban.  Continua a leggere….