domenica 16 ottobre 2016

LE NOVITÀ SULLA PREVIDENZA

Pensioni, si restringe la platea dell’Ape social
 Si restringe la platea dell’anticipo pensionistico a costo zero. Dal prossimo 1° maggio (come anticipato il 13 ottobre dal Sole 24 Ore) potranno accedere gratuitamente alla cosiddetta Ape social solo i lavoratori over 63 con un reddito pensionistico inferiore ai 1.350 euro lordi al mese, che risultino disoccupati, disabili o famigliari di disabili, e abbiano maturato almeno 30 anni di contributi. Che salgono a 36 anni, sempre come soglia minima, nel caso di soggetti impegnati in attività gravose per gli ultimi sei anni di contribuzione: operai dell’edilizia, scavatori, maestre o maestri della scuola d’infanzia, infermieri delle sale operatorie, macchinisti, autisti di mezzi pesanti, personale viaggiante, addetti alle pulizie e facchini. La soglia originaria dei 20 anni di contributi è stata dunque fatta salire per l’anticipo a costo zero (resta invariata per l’Ape volontaria e per l’Ape per le ristrutturazioni aziendali). Il Governo ha comunicato questa sua decisione ieri a Palazzo Chigi nel corso dell’incontro tra il sottosegretario alla Presidenza, Tommaso Nannicini, e i sindacati confederali. Continua a leggere…