lunedì 31 ottobre 2016

Terremoto Centro Italia, 700 scosse di assestamento. Protezione civile: assistiamo 15mila persone

Parlando dellʼemergenza sfollati, il premier Renzi ha assicurato: "Niente tende, gli alberghi ci sono"
Dopo il sisma di magnitudo 6.5 avvenuto vicino a Norcia, l'Ingv ha registrato oltre 700 scosse: quelle con magnitudo compresa tra 4-5 sono state finora 18. Intanto la prima notte del dopo terremoto è trascorsa in auto o nelle strutture di accoglienza per migliaia di persone di Umbria, Marche e Lazio: 15mila quelle assistite dalla protezione civile. A causa di alcune crepe provocate dal sisma è stato chiuso Ponte Mazzini, sul Lungotevere di Roma.
RENZI: "NIENTE TENDE, GLI ALBERGHI CI SONO" - "Il primo obiettivo è mettere in sicurezza. Non possiamo avere le tende per qualche mese in montagna, sotto la neve. Gli alberghi ci sono, per tutti". Così il premier Matteo Renzi, parlando dell'emergenza sfollati. "I danni al patrimonio abitativo, economico, culturale e religioso sono impressionanti. Ricostruiremo tutto", ha aggiunto.
PROTEZIONE CIVILE: 15MILA LE PERSONE ASSISTITE - Prosegue intanto il lavoro della protezione civile e degli altri soccorritori impegnati sul campo. Sono oltre quindicimila le persone assistite in seguito al terremoto che domenica mattina ha colpito il territorio dell'Italia centrale già interessato dalle scosse del 24 agosto e del 26 ottobre. Continua a leggere…..