martedì 15 novembre 2016

Arrestato il terrorista tunisino che operava come reclutatore in Italia

Moez Fezzani, conosciuto come Abu Nassim, è stato fermato in Sudan
Il terrorista tunisino Moez Fezzani, 46 anni, conosciuto come Abu Nassim e considerato tra i reclutatori dell’Isis in Italia, è stato arrestato in Sudan. Lo si apprende in ambienti dell’antiterrorismo. Avrebbe fatto parte, tra il ’97 e il 2001, di una cellula del «Gruppo salafita per la predicazione e il combattimento» con base a Milano che reclutava uomini da inviare nei Paesi in guerra. Nel 2014 è stato condannato definitivamente a 6 anni a Milano per associazione per delinquere con finalità di terrorismo. La sua storia è un’incredibile sequela di processi, fughe, latitanze e combattimenti. Finito inizialmente nell’inchiesta milanese, era stato condannato in contumacia. Nel ’97 aveva infatti lasciato l’appartamento in via Paravia 84 a Milano, considerato un covo di reclutatori di al Qaeda, per finire in Pakistan, dov’era stato arrestato con documenti falsi mentre, sostiene l’Antiterrorismo italiano, era in attesa di due afghani per entrare in un centro di addestramento in Afghanistan.  Continua a leggere…