giovedì 17 novembre 2016

La Provincia di Alessandria mette in vendita uffici e saloni della Prefettura

Un’ala di Palazzo Ghilini va all’asta a dicembre: si parte da 4,2 milioni
Di palazzi storici ceduti o abbandonati in città se ne sono visti parecchi: sulla sola piazza Libertà ci sono l’ex Distretto militare (l’antichissimo Palatium Vetus dov’era il primo municipio) che la Fondazione Cral ha riacquistato da un privato e restaurato, e la sede della Banca d’Italia, vuota ormai da anni. Ma al settecentesco Palazzo Ghilini, dove si trovano Provincia e Prefettura, nessuno pensava potesse toccare. Invece no: il bando è stato pubblicato sul sito dell’amministrazione provinciale, proprietaria dell’immobile, e scade il 1° dicembre.  Riguarda proprio l’ala verso via Pontida affittata al ministero dell’Interno per ospitare la Prefettura. In teoria con almeno 4,2 milioni, cioè la base d’asta, chiunque potrebbe comprare quella porzione di palazzo e poi, magari, sfrattare l’inquilino. In pratica non è così semplice, sono state messe un paio di clausole che dovrebbero favorire l’acquisto da parte dell’Invimit, società del ministero delle Finanze. Lo Stato quindi non dovrebbe più pagare l’affitto, 199 mila euro all’anno, e contribuirebbe al bilancio della Provincia, ente sempre più in difficoltà. Ma l’impressione resta. Che uno dei simboli della città e del territorio passi di mano così fino a poco tempo fa era impensabile.