mercoledì 30 novembre 2016

L’Isis rivendica l’attacco nel campus dell’Ohio: “L’autore è un nostro soldato”

Isis ha rivendicato che Adul Razak Ali Artan, il 18enne studente e profugo somalo autore dell’attacco che lunedì ha provocato 11 feriti in un campus dell’università di Columbus in Ohio, era un nostro «soldato». Lo riferisce l’organizzazione Site specializzata nel monitoraggio dei siti delle organizzazioni terroristiche. Secondo la ricostruzione Abdul Razak Ali Artan era arrabbiato per come sono trattati i musulmani e aveva lanciato una minaccia via Facebook all’America poco prima del suo attacco  Secondo l’Fbi potrebbe trattarsi però dell’ennesimo lupo solitario, radicalizzatosi grazie alla propaganda online dell’Isis, che continua a incoraggiare attacchi con auto, coltelli o qualsiasi altra arma. È il caso di Ahmad Rahami, 28 anni, il cittadino americano di origini afghane sospettato per le bombe in New Jersey e a New York (31 feriti nella zona di Chelsea) esplose il 17 settembre scorso. O di Dahir Adan, 22 anni, un americano di origine somala che lo stesso giorno ha accoltellato nove persone in un centro commerciale di St.Cloud, Minnesota, invocando Allah prima di essere ucciso da un agente fuori servizio. Ma potrebbe essere anche un gesto dettato da una reazione più personale, da un disagio alimentato dalla crescente ostilità verso il mondo musulmano.  Continua a leggere….