martedì 15 novembre 2016

Matteo Renzi mette la veste anti-establishment. "Vogliamo cambiare Italia e Ue". Trump? "Da presidente sarà diverso"

Interpretare il cambiamento. Questa la strada che ha portato Donald Trump alla Casa Bianca, questa la figura che Matteo Renzi prova a interpretare per vincere il referendum, dopo il quale l'Italia "tornerà protagonista nel mondo", e per riformare l'Europa.“Penso che Donald Trump abbia interpretato il cambiamento in maniera più radicale rispetto a Hillary Clinton - afferma Matteo Renzi a Che Tempo Che Fa, su Raitre - C’è l’ansia di cambiare, di poter entrare nel futuro, con tutte le inquietudini di un futuro che fa anche paura. Io comprendo che ci sia un bisogno di cambiare, ma mi domando chi rappresenti in Europa o in Italia questo cambiamento, chi sia davvero anti-establishment. Io da due anni sono al governo di questo paese. Sto cercando un passettino alla volta di cambiare le cose. Cosa chiedono i cittadini che andranno a votare? Secondo me chiedono di voltare pagina e questa riforma è un treno che ripassa tra 20 anni, se ripassa, abbiamo fatto una fatica pazzesca ad arrivare fino a qua”. L'uomo del cambiamento, come Renzi prova a descriversi, è anche quello che non accetta la palude: "Se si deve Stare nel pantano è bene che ci vada qualcun altro". dice, "vengano altri, i professionisti del galleggiamento". Una frase che lascia intendere che in caso di vittoria del No confermerà quanto detto mesi fa, che lascerà Palazzo Chigi. Continua a leggere….