lunedì 21 novembre 2016

Notificato avviso chiusura indagini a Paduano Uccise ex e le diede fuoco, per la Procura è omicidio premeditato. Rischia l'ergastolo

Sara aveva parlato con gli amici delle continue telefonate fatte dal ragazzo, ma con tutta probabilità non lo riteneva pericoloso tanto che anche poche ore prima dell'omicidio si erano visti, a casa, per un chiarimento. L'ultimo, prima della follia omicida che l'avrebbe uccisa
19 novembre 2016
Omicidio volontario premeditato, stalking, incendio e distruzione di cadavere. Sono i reati che la Procura di Roma ha contestato, nell'avviso di chiusura indagine appena notificato a Vincenzo Paduano, 27 anni, l'uomo che il 29 maggio scorso uccise la ex fidanzata, Sara Di Pietrantonio, studentessa di 22 anni. Il provvedimento, che anticipa la richiesta di rinvio a giudizio, è stato firmato dal procuratore aggiunto Maria Monteleone e dal sostituto Maria Gabriella Fazi. Paduano rischia la pena dell'ergastolo. Il cadavere della ragazza fu trovato alla Magliana a pochi metri dall'auto incendiata dallo stesso Paduano. Dopo una notte di interrogatori l'uomo crollò e ammise di aver ucciso la ex fidanzata perchè non sopportava l'idea della fine della loro storia .Continua a leggere….