sabato 19 novembre 2016

Referendum, che cosa cambia se vince il "Sì" e cosa succede se vince il "No"

"Ove i cittadini bocciassero queste riforme, verificheremo la situazione politica" ha chiarito il presidente del Consiglio Matteo Renzi, ma quali sono davvero gli scenari? Ecco una breve guida al giorno dopo del Referendum del 4 dicembre
Cosa succede al governo se dovesse vincere il No al referendum? "Lo scopriremo solo vivendo".Cita Lucio Battisi Matteo Renzi presentando a Palazzo Chigi i risultati dei Mille giorni dell'esecutivo. "Ove i cittadini bocciassero queste riforme, verificheremo la situazione politica" ha chiarito il presidente del Consiglio, ma quali sono davvero gli scenari?
Il 4 dicembre si vota la riforma della Costituzione: la guida
SE VINCE IL SI': RENZI LEADERISSIMO. In caso di vittoria del Sì entra in vigore la Riforma Boschi mentre Renzi resterebbe al governo e al vertice del Pd acquistando ancora più forza nei confronti della minoranza democratica che invece si è apertamente dichiarata per il No. In tempi molto rapidi si registrerebbe un rimpasto nel governo per renderlo meno evanescente e più adatto ad affrontare le elezioni politiche. E all’inizio del 2017 si celebrerebbe il congresso del Pd e si accelererebbero le dinamiche che porterebbero a una scissione ormai in embrione.Inoltre l'asse con il Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano e con Alleanza popolare di Denis Verdini ne risulterebbe rafforzato, mentre considerate le divisioni del centrodestra, alla fine i tre poli si ridurrebbero a due: il partito di Renzi e il M5S sempre più partito anti-sistema. Continua a leggere…