giovedì 19 gennaio 2017

Bonus 80 euro, sospeso il versamento alle forze dell’ordine. Sindacati: “Vogliono usare risorse per riordino delle carriere”

Cgil nazionale, dalla Fp Cgil e dal Silp Cgil chiedono al governo Gentiloni di "riattivare immediatamente l'erogazione". Lo scorso novembre l'allora ministro dell'Interno Alfano aveva assicurato che lo sgravio sarebbe stato stabilizzato, ma l'ultima legge di Bilancio varata da Renzi non stanzia risorse ad hoc: i 500 milioni necessari dovrebbero arrivare da un fondo che serve anche per il rinnovo dei contratti pubblici
“Sospeso il bonus di 80 euro per le lavoratrici e i lavoratori del comparto Sicurezza e Soccorso Pubblico. Riattivare immediatamente l’erogazione e aprire il tavolo per il rinnovo del contratto nazionale”. L’appello al governo Gentiloni arriva dalla Cgil nazionale, dalla Fp Cgil e dal Silp Cgil, dopo che sul portale NoiPa è comparsa una comunicazione che informa della “sospensione del contributo straordinario in oggetto a far tempo dal gennaio 2017″ in attesa del decreto attuativo previsto dall’ultima legge di Bilancio varata da Renzi. Nella manovra però, contrariamente a quanto aveva assicurato l’allora ministro dell’Interno Angelino Alfano lo scorso novembre, la stabilizzazione dello sgravio annunciato dall’ex premier nel dicembre 2015 è tutt’altro che assicurata. Infatti i 500 milioni necessari dovrebbero essere sottratti agli 1,5 miliardi stanziati per il rinnovo dei contratti pubblici e la complessiva “riorganizzazione delle forze di polizia“. Ovviamente, la coperta è corta. Continua a leggere….