martedì 31 gennaio 2017

Canada, assalto armato in moschea: 6 morti. Arrestato 20enne franco-canadese

È di 6 morti e 8 feriti, di cui 3 in pericolo di vita, il bilancio di una sparatoria all'interno di una moschea - il Centro culturale islamico di Quebec - nella città sudorientale canadese: stando alla CBCNews, una cinquantina di fedeli erano riuniti all'interno della moschea per la preghiera della sera quando, poco prima delle 20 ora locale, è iniziata la sparatoria. Tra le vittime dell'attacco c'è anche l'imam: lo riferisce il collettivo canadese anti-islamofobia. La polizia ha arrestato due persone. Le forze dell'ordine non hanno ancora fornito alcuna motivazione dell'attacco, ma il premier canadese Justin Trudeau ha descritto la sparatoria parlando di «attacco terroristico», riferisce la Bbc.La polizia canadese ha arrestato due persone ma in un secondo momento ha fatto sapere che solo uno è sospettato di essere il responsabile della sparatoria. Il secondo uomo fermato è considerato un testimone. Il presunto autore dell'attacco sarebbe il franco-canadese Alexandre Bissonnette, di 27 anni, mentre Mohamed Khadir, di origini marocchine, sarebbe stato sentito come testimone e poi rilasciatoSecondo testimoni Bissonnette, armato e con il volto coperto, ha aperto il fuoco al grido di Allah Akbar. E' stato fermato davanti alla moschea. La polizia tratta l'attacco alla moschea di Quebec come un atto terroristico in base ad «elementi d'inchiesta», che però non sono stati divulgati. Lo ha riferito Christine Coulombe, portavoce della polizia del Quebec.  Ma il movente della sparatoria non è chiaro. Ad aumentare i dubbi il fatto che uno dei due sospettati fermati dalla polizia abbia un nome arabo. Continua a leggere…..