giovedì 12 gennaio 2017

La ferocia dell’omicidio di Ferrara, i beni di Trump ai figli, lo stop al referendum sull’articolo 18 e De Filippi a Sanremo

Il giallo di Ferrara si risolve con una confessione choc di due minorenni: il figlio di 16 anni dei due coniugi ha pagato un amico 17enne per ucciderli con un’ascia. Il ragazzo ha eseguito con la promessa di un pagamento di mille euro. A far scattare il piano sarebbero stati i rimproveri per i brutti voti a scuola. In un commento Ferdinando Camon analizza il comportamento dei due giovani che dopo aver ucciso i coniugi hanno coperto i loro volti con un sacco in una sorta di “lucida vergogna, un segno del terrore per ciò che ora li aspetta”.
Trump e il passaggio di consegne ai figli
Nella sua prima conferenza stampa dopo l’elezione a presidente, Donald Trump fa sapere che assegna al controllo dei figli tutti i propri beni. È la mossa per disinnescare il conflitto di interessi in vista dell’insediamento, che avrà luogo a Washington il 20 gennaio. Trump ammette che dietro agli hacker che hanno cercato di condizionare il voto Usa c’è la Russia ma precisa: “Con me alla Casa Bianca, il Cremlino ci rispetterà di più”.
Stop al referendum sull’articolo 18
La Corte Costituzionale boccia il quesito referendario proposto dalla Cgil per il ripristino dell’articolo 18. Accolti invece quelli su voucher e appalti, argomenti su cui si dovrebbe votare tra metà aprile e metà giugno sempre che non si arrivi alle elezioni anticipate. Come spiega Marcello Sorgi “la politica italiana vive una condizione precaria” e “questo verdetto pone nuovi problemi”. Ora “sarà determinante la decisione dei giudici della Consulta attesa per il 24 gennaio sull’Italicum”.

Cybersicurezza e l’ombra della ‘ndrangheta
Il primo a pagare per il caso di cyberspionaggio è il capo della Polizia Postale Roberto Di Legami che viene sollevato dall’incarico. La motivazione è che “ha sottovalutato l’inchiesta” guidando i lavori senza avvisare la sua catena gerarchica. Intanto dietro i due fratelli Occhionero finiti in carcere spunta l’ombra della ‘ndrangheta: come racconta Gianluca Paolucci tra i loro collaboratori compare un commercialista condannato in un processo sulle cosche.
De Filippi a Sanremo
Ora è ufficiale: Maria De Filippi sarà la conduttrice del Festival di Sanremo al fianco di Carlo Conti. Ma questa non è l’unica novità dell’edizione 2017 della rassegna: per la prima volta sul palco non ci saranno le vallette. “È uno show che volevo fare e che non rifarò più” spiega la conduttrice, volto storico di Mediaset. Per il padrone di casa Conti “il Festival è il programma più importante e per questo deve poter cambiare”.
Buona lettura,

Maurizio Molinari