giovedì 19 gennaio 2017

MotoGP, Rossi: "Il 10° titolo? Forte ogni GP. E poi si vedrà"

Il pesarese a Madrid alla presentazione della nuova Yamaha: "La moto ha un ottimo potenziale, non vedo l'ora di mettermi al lavoro nelle tre sessioni di test in arrivo. Il Mondiale? Conta essere competitivi sempre. Vinales? Veloce da subito, purtroppo..."
I suoi tifosi si aspettano il decimo titolo iridato della carriera. Riuscirà Valentino Rossi a soddisfarli? "Conta essere competitivi e fare buone gare, stare concentrati e sempre forti - ha detto il campione italiano sul palco di Madrid alla presentazione della nuova Yamaha MotoGP - per il campionato non si possono fare previsioni, le prime gare serviranno per conoscere il potenziale. L'importante sarà essere competitivi ogni singola domenica".
LA NUOVA MOTO — Per Rossi non ci sono state grandi novità nella preparazione della stagione: "Mi sono preparato come sempre - ha detto il pesarese - la nuova moto l'ho scoperta nei primi test dopo Valencia e mi sono reso conto che ha un ottimo potenziale, ora l'importante è lavorare molto bene nei tre test pre-stagionali col nuovo staff per arrivare pronti in Qatar. Comunque la prima impressione è molto buona".
TECNICA — Quest'anno il regolamento non è nuovo come accaduto nel 2016. Quale aspetto sarà decisivo? "Direi essenzialmente due - ha detto - le gomme e l'elettronica. Conterà lavorare sull'anteriore per trovare la mescola giusta e poi sul software per migliorare la moto. Poi i piccoli dettagli, come sempre, faranno la differenza".
MAVERICK VELOCE — L'altra grande novità è Maverick Vinales come compagno di squadra. Valentino lo elogia: "Purtroppo per me ha dimostrato di essere subito molto veloce, mi ha molto impressionato. Penso che faremo un bel lavoro per il team. Cercherò di rubargli dei segreti per capire qualcosa della sua velocità".