martedì 28 febbraio 2017

Caldara: "La mia Atalanta regala sogni. E la Champions la vedo..."

Il difensore andrà alla Juve nel 2018: "per vederla in coppa devo uscire, papà non ha l’abbonamento tv. Lui è interista, io sono nato il 5 maggio..."
Sembrava Scirea a Madrid. L’abbiamo detto o pensato tutti dopo aver visto l’azione del secondo gol di Mattia Caldara a Napoli. C’era qualche differenza, ovviamente: Scirea dialogò con alcuni compagni e poi non segnò, ma firmò l’assist per il 2-0 di Tardelli nella storica finale del Mondiale ’82, ma identici sono lo sviluppo della manovra, il senso del gioco e la capacità di muoversi a testa alta immaginando quello che potrà accadere. Caldara non ricorda bene quell’azione di Scirea, ma la tecnologia è un aiuto prezioso. Ipad, Youtube. Mattia si mette comodo, avvicina lo schermo e guarda: "Eccolo Scirea, mamma da dove parte. Elegante. Conti sembra Spina (Spinazzola, ndr), guarda come corre. Ancora Scirea. Testa alta. Passaggio. Gol". Continua a leggere…