martedì 14 febbraio 2017

Direzione Pd, ok a mozione per assemblea e congresso subito

Approvato il documentodella maggioranza. Renzi: "Dopo il 4 dicembre le lancette della politica sono tornate indietro". Bersani: "Nel partito passaggio serio, vediamo cosa ci tiene assieme". Emiliano: "Necessaria mia candidatura a segreteria". Voto su mozioni contrapposte
ROMA -  La direzione del Partito democratico ha approvato l'ordine del giorno presentato dalla maggioranza per avviare subito, con un'assemblea che si svolgerà tra sabato e domenica, il congresso del partito. A favore hanno votato in 107, 12 i contrari e 5 gli astenuti. Il presidente Matteo Orfini, al termine della riunione, ha deciso di mettere ai voti solo l'il documento di maggioranza e considerare precluso quello presentato dalla minoranza, che aveva richieste opposte."Si chiude un ciclo alla guida del Pd". Così Matteo Renzi ha parlato nella riunione convocata in via Alibert a Roma, lasciando capire che si dimetterà per anticipare il congresso del partito. Che si terrà con le "stesse regole dell'ultima volta", ossia nel 2013, quando Gianni Cuperlo sfidò l'ex premier e l'assise si concluse in due mesi e mezzo. E nella replica, dopo una lunga serie di interventi, ha affermato: "Ho fiducia nella nostra gente. Penso che un punto vada messo: non io, non noi, ma l'assemblea che è sovrana...Va bene tutto ciò che serve per creare un clima per sentirsi a casa, ma quando si ha paura di confrontarsi con la propria gente con le modalità dell'ultimo congresso io credo che l'ennesimo passo indietro non sarebbe capito neanche dai nostri.Andiamo al congresso con il sorriso sulle labbra, così saremo un partito ancora più democratico, se altri vogliono farsi governare da un algoritmo è un problema loro". Continua a leggere……