giovedì 9 febbraio 2017

Francia, esplosione in centrale nucleare a Flamanville: "No rischi"

La prefettura fa sapere che non vi sono feriti gravi ma cinque persone "lievemente intossicate". Spento uno dei due reattori. L'incidente sarebbe avvenuto nella sala macchine dell'impianto
PARIGI - Esplosione nella centrale nucleare di Edf a Flamanville, nel nord della Francia. Edf fa sapere che l'incendio si è originato alle ore 8.40 locali, nell'impianto del reattore 1 in una zona "non nucleare". Il reattore è stato spento per precauzione. La compagnia aggiunge che l'incendio è sotto controllo, non vi sono vittime e non esiste alcun rischio di contaminazione ambientale. A seguire, la locale prefettura ha dichiarato "conclusa" l'emergenza.Confermate, dunque, le rassicurazioni precedentemente diffuse da Olivier Marmion, direttore di gabinetto della prefettura della Manica, che aveva parlato di "cinque persone lievemente intossicate" ma nessun ferito in modo grave. I vigili del fuoco accorsi all'impianto hanno invece riferito la segnalazione di un'esplosione e di un incendio "nel cuore" della centrale, forse causato da un corto circuito in sala macchine, ma fuori dalla zona dove si trovano i reattori. Anche secondo le autorità non c'è dunque alcun rischio atomico o di contaminazione. I due reattori, ciascuno da 1300 megawatt, della centrale di Flamanville risalgono al 1980. Edf (Électricité de France) compagnia con sede a Parigi, prima produttrice e fornitrice di energia nel Paese, sta erigendo nel sito un terzo reattore, anche in questo caso in un'area estranea all'incidente.