martedì 7 febbraio 2017

Francia: Fillon non si ritira, 'sono io il candidato'

Mea culpa sull'assunzione di moglie e figli. 'E' stato un errore'
"Nulla mi farà cambiare parere, sono il candidato alle elezioni presidenziali, candidato per vincere": lo ha detto Francois Fillon respingendo l'ipotesi di un piano B dopo le accuse sul Penelopegate. Rivolgendosi ai media a Parigi il trionfatore alle primarie della destra per la corsa all'Eliseo di primavera ha poi aggiunto: "Linciare, assassinare un candidato come avete fatto in questa settimana, pone un problema per la democrazia". Prima però ha fatto mea culpa. 'E' stato un errore, me ne rammarico profondamente e rivolgo le mie scuse ai francesi" per aver assunto moglie e figli. Il candidato della destra si è detto vittima di "attacchi di una violenza inaudita", una cosa a "mia conoscenza mai vista nella storia della Quinta repubblica Repubblica". "Tutti i fatti evocati sono legali e trasparenti, non ho mai violato la legge", ha detto il candidato dei Républicains, travolto dalle accuse sugli impieghi fittizi alla moglie, a tre mesi dalle elezioni presidenziali di primavera. "Il suo lavoro era indispensabile". Continua a leggere……