mercoledì 1 febbraio 2017

I quattro dirigenti dei servizi russi arrestati collaboravano con la Cia, secondo Mosca

Quattro dirigenti dei servizi segreti russi (Fsb) arrestati sono accusati di alto tradimento e di passare informazioni riservate alla Cia: lo sostengono fonti «ben informate» sentite dall’agenzia Interfax. «Il capo di un dipartimento del Centro di sicurezza informatica dell’Fsb, Serghiei Mikhailov, e il suo vice, Dmitri Dokuchayev, sono accusati di cooperare con la Cia in violazione del loro giuramento», ha detto una fonte a Interfax aggiungendo che «un totale di quattro persone sono state arrestate nell’inchiesta e fino a otto persone sono coinvolte come complici. Le accuse - ha dichiarato la stessa fonte - sono state avanzate solo contro quattro di loro, gli altri potrebbero essere considerati testimoni».