giovedì 23 febbraio 2017

Milan, il Tianjin di Cannavaro offre a Bacca 10 milioni all’anno però insiste per Kalinic

Il Tianjin Quanjian ha già parlato con l’agente del colombiano che conferma "offerta molto ricca": sul piatto una trentina di milioni e un mega ingaggio per il colombiano. Ma l'allenatore italiano continua a preferire l'attaccante della Fiorentina: "La nostra prima scelta"
Il dilemma comincia a diffondersi per l’Europa: «Ma tu, in cambio di un monte di soldi, andresti in Cina?». Prendere o lasciare. Tevez, per non sbagliare, ha preso e ora sembra già pentito: vorrebbe tornare in Argentina, Shanghai non è di suo gradimento. La città del momento però è Tianjin, che sarà anche gemellata con Bergamo ma non vuole Petagna. Il Tianjin Quanjian allenato da Fabio Cannavaro cerca un attaccante ma guarda più a sud. A Milano e Firenze. L’interesse per Nikola Kalinic è noto da tempo, quello per Carlos Bacca è meno noto e meno radicato. Pato e Witsel sono già stati presi, la novità è che il Tianjin Quanjian ha parlato con l’agente di Bacca che conferma: "Carlos è molto contento al Milan", rivela, "il club e l’allenatore sono contenti di lui. A gennaio diversi club europei erano interessati al giocatore. Ora ci sono diverse squadre cinesi e hanno offerto grandi contratti. Molti soldi. Il messaggio di Carlos, però, è che vuole restare al Milan. Tianjin? Non parlo di club specifici. Bacca fa parte di un grandissimo club come il Milan". Insomma, per il club cinese i soldi non sarebbero un problema: si parla di offerta in doppia cifra per l’ingaggio, almeno 10 milioni all’anno. Eppure ci sono tre buoni motivi per cui il trasferimento non è all’ordine del giorno. Anche perché il mercato cinese chiude il 28 febbraio, ci sarebbe da fare in fretta. Continua a leggere….