giovedì 16 febbraio 2017

Napoli, De Laurentiis sogna il colpaccio: "Mi piacerebbe prendere Ibrahimovic"

Il presidente azzurro svela: "Vorrei avere quel gigante che adesso sta al Manchester United: è di una simpatia unica, anche se quando è in campo sembra sempre incavolato"
C'è un sogno che evidentemente accompagna da tempo le notti di Aurelio De Laurentiis se decide di tirarlo fuori alla vigilia di una partita così importante, come gara-1 degli ottavi di Champions in casa del Real Madrid. E quel sogno si chiama Zlatan Ibrahimovic, per il quale proprio di recente proprio il suo procuratore Mino Raiola ha "aperto" a un futuro trasferimento in azzurro. "Non sono un uomo che invidia - ha raccontato il presidente del Napoli in un incontro con l'ex sindaco di Roma Walter Veltroni, rilanciato dal Napoli sui suoi canali social -, ma mi piacerebbe avere quel grande gigante che adesso sta al Manchester United. Lo conobbi ad una cena a Los Angeles ed è di una simpatia unica - racconta -. Quando è in campo sembra sempre incavolato, ma invece ha una famiglia meravigliosa ed è un uomo anche estremamente piacevole nella conversazione. Hai capito di chi sto parlando". "Sì, Ibrahimovic".
PERCHÉ COMPRAI IL NAPOLI — Il discorso è piacevole, la conversazione scorre. E si comincia dal perché nel 2004 De Laurentiis decise di acquistare il Napoli sull'orlo del fallimento. "C'è un uomo geniale che io conobbi quando avevo 20 anni negli uffici di zio Dino a New York - racconta De Laurentiis -: Barry Diller che lavorava alla Paramount. Ad un certo punto questo uomo disse a Murdoch: perché non fai un network televisivo? Hai la 20th Century Fox, se ci metti dentro uno sport, fai bingo. E così fu. E poi Murdoch ha avuto anche la proprietà di alcune società di baseball, football americano. Vedendo questa situazione di grande successo mi dissi: 'Io in fondo, il cinema lo faccio. Del calcio non so nulla, nemmeno cosa sia un 4-4-2' ". Continua a leggere….