giovedì 2 marzo 2017

Cassano: "Volevo restare coi ragazzi Ma i signori hanno deciso così..."

FantAntonio replica alla decisione della Samp di vietargli di allenarsi con la Primavera: "Vado via a testa alta. Mi dispiace: la festa che mi hanno fatto i ragazzi è stata molto bella"
Chissà se è un addio al calcio giocato. Intanto, da oggi Antonio Cassano (ricordiamolo: si è svincolato con la Samp a gennaio) non può più allenarsi con la Primavera della Sampdoria (gli è stato vietato dal club) e da domani non potrà più essere tesserato con alcuna squadra, perché chiude il mercato degli svincolati. "Sono molto dispiaciuto - ha spiegato FantAntonio a SkySport24 -. Mi dispiace prima di tutto molto non potermi più allenare con questi ragazzi fantastici della Primavera, dai quali ho imparato molto in questi mesi. Ma questa è la vita, e nella vita bisogna andare sempre avanti".
LA FESTA DI ADDIO E IL FUTURO — Prima di lasciare lo spogliatoio, i calciatori della Primavera gli hanno fatto una festa a sorpresa. "Sono molto felice della festa che mi hanno fatto i ragazzi, loro sono sempre fantastici: io vado avanti e anche questa volta lo faccio a testa alta, come sempre: certo, avrei voluto continuare ad allenarmi con loro, ma i signori hanno deciso diversamente e dovranno essere loro a spiegare il perché... Io ho delle mie idee e quando sarà il momento le spiegherò, su questo non ho nessun problema". Che cosa c'è nel futuro di Cassano? "Adesso faccio il papà felice, a casa con la mia famiglia".