giovedì 9 marzo 2017

Galliani: "Tutto il Milan tifava Barça. Braida dev'essere morto..."

L'a.d. del Milan dopo l'impresa dei catalani in Champions uscendo dalla cena con la squadra: "E' stata la partita più incredibile vista nella mia vita. Eravamo tutti per i catalani"
"E' stata la partita più incredibile vista nella mia vita". La rimonta del Barcellona è da poco finita, e da un ristorante del centro storico di Milano esce prima l'a.d. del Milan Adriano Galliani, poi Vincenzo Montella e via via tutti gli altri calciatori rossoneri. Staff, dirigenti e giocatori hanno cenato insieme questa sera e tra una portata e l'altra hanno seguito l'incredibile partita di Champions del Camp Nou. "Tutti i ragazzi e anche noi dirigenti abbiamo tifato per il Barcellona. Lì c'è il nostro amico Ariedo Braida, al quale naturalmente siamo legati da affetto e amicizia. Tutti, tutti i ragazzi hanno tifato Barcellona", racconta l'a.d. Galliani.
L'AMICO ARIEDO — "Questa partita ci conferma che il calcio è davvero pazzesco ed è davvero lo sport più bello del mondo. Pensate che il Psg ha avuto due volte l'occasione di chiudere i conti e poi il Barcellona ha fatto 3 gol negli ultimi 5'. E' stato incredibile: uno spettacolo bellissimo". Galliani poi svela un retroscena: "Ho inviato un messaggio a Braida, ma non mi ha ancora risposta. Evidentemente Ariedo dev'essere morto...".
MONTELLA — "È stata emozionante", anche il tecnico del Milan Vincenzo Montella, all'uscita dal ristorante, commenta la remuntada catalana. "Cosa avrà detto Luis Enrique per motivare i suoi? Non so, ho fatto solo una partita da allenatore in Champions. Si possono fare tre gol in 5'? Hanno dimostrato che è possibile, l'essenza del calcio è questa". Continua a leggere…..