domenica 19 marzo 2017

Influencer

di mizaar
Malanno di stagione, l'influencer? Certo non si tratta di una malattia, né tanto meno di un monatto, uno spargitore di influenza nel senso più stretto dell'umana comprensione, ma trattasi di uno - una nella fattispecie, sono più le donne a rappresentare il ruolo - che influenza coloro che spesso meritano l'influenza - e stavolta si tratta di influenza in senso figurato. In pratica con una furbissima operazione di mercato tutti coloro che vendono merce - e devono venderla altrimenti gli rimane sul gobbo - pescano tra i blog scritti da quelle giovanette che meglio rappresentano la " meglio " gioventù vippaiola e modaiola - blog che naturalmente devono possedere dalla loro accessi con molti zeri a carico -  e le eleggono a " influenzatrici " se così si può dire - di modo che se Pallina non sa cosa mettersi addosso al matrimonio dell'amica oppure se deve comprare un paio di running e non può toppare sull'ultimo grido, pena l'esclusione sociale, allora si consulta con la monatta di influenza, sciorinando febbrilmente la pagine fotografiche di blog, Instagram e via  social enumerando in modo da non sfigurare nemmeno un po'. Niente di strano direte voi, è da sempre che i mercanti portano le loro carabattole nei pressi del tempio! Il fatto strano e, a guardare bene, anche leggermente insidioso è che quello che le influenzatrici veicolano non è solo immagine, non è solo copertina patinata, ma portano alla ribalta uno stile di vita basato sul nulla, su uno stereotipo sociale fatto di solo apparire.
Così non viene influenzata, senza mezzi termini, l'idea di quello che devi indossare, ma anche di ciò che devi mangiare, di quello che devi vedere - quasi sempre i locali alla moda - della località dove andare in viaggio, con chi andare, quali i posti e le persone da frequentare. Fatto inquietante specie se ad essere presi di mira sono le persone più giovani, coloro che facilmente si lasciano influenzare. E ancora più strana e inquietante è l'operazione di sdoganamento che viene fatta in televisione con un garrulo Fabio Fazio che gioca - come sempre - a fare l'ignorante e si diverte, il garrulo, a fare domande idiote alla più social e fortunata delle influenzatrici, Chiara Ferragni, che vive tra Los Angeles, Milano e Barletta - dove dà lavoro a qualche fabbrichetta locale che produce roba con il suo marchio e che magari subappalta in nero alle cottimiste dei sottani che popolano la città - convive con Fedez, fa scherzi ai genitori che la guardano, dal parterre, con occhi adoranti e, udite udite è una imprenditrice che dà lavoro a venticinque giovani della sua specie. Alla radio, l'altro giorno, qualcuno " traduceva " il termine influencer con leader di opinione. Opinione di che cosa?