sabato 18 marzo 2017

Siete pronti? Fra poco succederà di tutto e l’Italia non avrà un governo

di infosannio
(di Francesco Cancellato -linkiesta.it) - Perdonate il tono assertivo nel titolo di questo articolo, ma forse è il caso di raccontarlo per bene, quel che sta accadendo in Italia ora. E anziché usarlo per recriminare, per puntare il dito su chi ha scritto una brutta riforma o su chi l’ha bocciata o su chi volete voi, sarebbe il caso di fissare lo sguardo verso l’iceberg contro cui stiamo andando a sbattere. E, se possibile, evitarlo.Andiamo con ordine. Sono passati tre mesi abbondanti dal 4 dicembre e più di quaranta giorni dalla sentenza della Corte Costituzionale sull’Italicum e ancora non c’è nemmeno un barlume di legge elettorale all’orizzonte. Il Partito Democratico, del resto, è impegnatissimo a dilaniarsi, Berlusconi deve vendere il Milan ai cinesi e evitare che Vivendi si compri Mediaset, mentre Grillo e Salvini se ne stanno placidi sotto l’albero in attesa che gli altri si incartino da soli.Risultato? Con ogni probabilità la legislatura atterrerà placidamente alla sua scadenza elettorale e noi andremo a votare con una legge iper-proporzionale costruita in funzione della diffusa illusione di ognuna delle parti in commedia di avere un fondamentale potere d’interdizione in grado di condizionare le scelte del futuro esecutivo (e di strappare le poltrone migliori, già che ci siamo). Continua a leggere…