lunedì 3 aprile 2017

Milan, Europa più lontana? Tutti i problemi rossoneri

Dal gioco latitante alla non-coesistenza di Bacca e Lapadula. Fra infortuni e calendario la strada verso le coppe è in salita
Montella è tranquillo, le giornate da giocare sono ancora otto, il quinto posto è distante quattro punti, il sesto uno (anche se l'Inter ha una gara in meno). Insomma, nulla è compromesso, però psicologicamente il pareggio di Pescara è una mazzata, che mette in ulteriore dubbio il futuro europeo del Milan. I rossoneri tornano dalla trasferta post-sosta con parecchi dubbi in più.
IL GIOCO — Al di là degli assalti finali, il Milan contro l'ultima in classifica non ha mai davvero preso in mano la partita. A centrocampo sono tornati i problemi, Sosa non è il play che puoi sognare per far girare la squadra, il subentrante Locatelli non ha fatto meglio. In fase offensiva si fa affidamento sulle giocate sugli esterni di Deulofeu e Ocampos (male soprattutto il secondo).
BACCA E LAPADULA — Tutte le settimane arriva la domanda sulla possibile coesistenza delle due punte centrali della rosa rossonera. Montella si dice possibilista. Poi, bloccato sul pari dall'ultima della classe sostituisce il colombiano con l'ex, preferendo addirittura avanzare Pasalic sulla linea degli attaccanti. L'ex Siviglia non la vede mai (azione del gol a parte): meglio Lapadula, che però si fa stoppare due volte sulle due occasioni che rimedia con la solita voglia. Continua a leggere…….