venerdì 12 maggio 2017

LISTA ROSSA, il perchè di una scelta

Alessandria: LISTA ROSSA, il perchè di una scelta
CHI SIAMO
Questa lista rappresenta la scelta consapevole di donne e di uomini che hanno deciso di impegnarsi per dare il proprio contributo alla soluzione dei problemi della città e della comunità alessandrina, delineando con le proprie competenze delle prospettive di crescita nuova.
La LISTA ROSSA sosterrà il candidato sindaco, Maria Rita Rossa

IL PERCHE’ DELLA SCELTA
Con il nostro impegno sosterremo Maria Rita Rossa perché come Sindaco si è assunta in prima persona l’onere di riportare il Bilancio Comunale in un equilibrio permanente, seppur ancora fragile, con scelte talora anche impopolari, ma che hanno consentito alla Politica di guidare, in questi anni difficili, la Città e non consegnarla al governo di un commissario che avrebbe anteposto il rigore dei numeri alle necessità di una comunità.

Sosterremo Maria Rita Rossa per consentire alla Città di continuare il suo percorso di sviluppo in un’ottica di continuità verso il progressivo miglioramento. La città è ripartita, molti luoghi sono stati rigenerati e si sono sviluppati nuovi simboli che permettono di guardare al futuro con rinnovato ottimismo e con fiducia.

La spesa corrente è diminuita in modo significativo (quasi 20 milioni di Euro in meno), e i servizi per i cittadini e l’occupazione non hanno subito ricadute negative. Molto è stato fatto sia nell’ambito della rigenerazione urbana, della viabilità e del sociale, ma molto è ancora da fare.
Vogliamo continuare su questi binari con chi ci ha creduto fino ad oggi e con chi vuole esserci per proseguire un percorso di Amministrazione e progettualità che faccia crescere Alessandria e la sua comunità.

OBIETTIVI PROGRAMMATICI QUALIFICANTI DELLA NOSTRA LISTA.
Nel riconoscerci, ovviamente, nel programma generale proposto dal candidato Sindaco
RITA ROSSA vogliamo indicare alcune priorità che i nostri candidati intendono perseguire in modo particolare.

Riteniamo che un progetto di sviluppo della città debba poggiare sulla valorizzazione del turismo culturale ed enogastronomico.
In questa prospettiva è necessario da un lato la creazione di percorsi che abbiano come volano la Cittadella, Marengo e il Museo Borsalino ma che prevedano anche altre preziosità che abbiamo ad Alessandria e dall’altro iniziative coordinate di animazione cittadina che rendano vivace la città.

Occorre creare le condizioni perché l’imprenditoria trovi nuovo slancio.

Chi viene ad Alessandria deve poter girare in una città aperta, accogliente e gradevole grazie ad una riqualificazione urbana e ambientale come quella realizzata con il P.I.S.U. e il recupero di piazza Santa Maria di Castello e quella in via di realizzazione ai Giardini della Stazione.

In questo contesto da segnalare il Progetto Periferie che recupererà l’accesso sud-est alla città (da Spinetta a via Marengo) e il Progetto di recupero delle sponde dei fiumi Tanaro e Bormida.

Non vi è dubbio che in questa prospettiva la città deve anche essere (ed essere percepita) sicura: una sicurezza però che non può essere solamente incentrata sull’ordine pubblico, ma come contesto amicale e solidale all’interno del quale vivere.

Tutte queste proposte non potranno però trovare una concreta realizzazione se non impareremo a vivere Alessandria con il sorriso.

I nostri nemici oggi sono la rabbia, l’isolamento, la frustrazione. Speranza, ottimismo e generosità sono i presupposti per ideare il futuro di Alessandria per i nostri figli e nipoti.

LISìTA ROSSA Alessandria